Il disboscamento illegale come problema nazionale

L’eco-criminalità internazionale è un affare lucroso. E come mostra l’esempio del commercio illegale di legno, non distrugge solo degli ecosistemi preziosi, ma danneggia gravemente anche gli Stati fragili e le loro economie legali.

L’abbattimento e il commercio illegali di alberi non sono un fenomeno marginale. Secondo uno studio dell’Interpol e del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), il commercio illegale rappresenta dal 15 al 30 percento del mercato mondiale del legno. E nelle principali regioni produttrici oltre la metà del legno proviene da tagli non autorizzati, con quote che raggiungono il 70 percento nell’Amazzonia brasiliana, il 60 percento in Indonesia e il 90 percento nella Repubblica democratica del Congo.

Italian English French